Prestiti per i giovani che vogliono fare impresa: la proposta ideata da Poste Italiane

Tra le compagnie che propongono valide soluzioni di prestito dedicate ai giovani e gli studenti troviamo sicuramente Poste Italiane. I prodotti finanziari ideati questa compagnia sono inclusi nel pacchetto “BancoPosta“, e vantano una gamma di soluzioni, tale da soddisfare un ampio ventaglio di profili: dallo studente al lavoratore precario al giovane che vuole lanciarsi nel mondo dell’impresa.

Vediamo ora quest’ultimo caso in particolare. Sono numerosi quei giovani che, terminati gli studi, desiderano avviare un’attività o fare impresa. Troppo spesso però mancano le risorse economiche per poter dare avvio alle proprie ambizioni. Tanti giovani imprenditori di età compresa fra i 28 e i 35 anni non possono infatti offrire garanzie tali da poter ottenere prestiti anche per importi contenuti. Uno dei requisiti finalizzati all’ottenimento del prestito è la busta paga che attesti una continuità lavorativa; prerogativa difficile da soddisfare di questi tempi. 

Ottenere un prestito senza avere una busta paga che dimostri un reddito è cosa assai difficile, tuttavia non del tutto impossibile. Le strade da percorrere, in assenza di un reddito, restano sostanzialmente due: una persona che faccia per voi da garante oppure, strada più rischiosa, potete ipotecare un immobile o un bene di vostra proprietà.

Qui entra in gioco il prestito BancoPosta, una formula che permette ai giovani che vogliano lanciarsi nel mondo dell’impresa di ottenere una somma non superiore a 30.000 euro.
Stretto parente del prodotto BancoPosta troviamo la formula di prestito BancoPosta Flessibile, che differisce per due formule molto comode, ovvero: la possibilità di saltare il pagamento di una rata (come avviene per alcuni mutui, ad esempio) e la formula “cambio rata“, che consente di riformulare le scadenze in itinere.
Grazie a queste formule finanziarie pensate da Posteitaliane è inoltre possibile convogliare altri prestiti in essere (anche afferenti a compagnie diverse) in un’unica rata. Non si tratta di una novità in senso assoluto: già molte banche la propongono a coloro che hanno più prestiti in essere.

Quali documenti bisogna dunque produrre prima di presentarsi allo sportello postale? Se siete cittadini italiani, vi saranno richieste copia del documento d’identità e il codice fiscale, oltre alla copia della vostra busta paga se ne siete in possesso.
Considerata l’entità della cifra ottenibile mediante il prestito, non è possibile avviare la pratica online, come per altre formule: vi consigliamo quindi di fissare un appuntamento presso lo sportello finanziario di Posteitaliane più vicino a voi. Maggiori informazioni sul sito dedicato ai migliori prestiti di Poste Italiane www.guidaprestitiposte.it.